kalimah.top
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

1zuckero, 1zinghero, rock marciano – damage كلمات اغاني

Loading...

[1zinghero]
non sai quanti ne ho visti de poveri cristi perderla per gioco
l’erba cattiva ‘n more ma sapessi come prende fuoco e c’alimento un rogo d’odio spento dall’infamità giù a piazzale [?]
e vedo chi va in cerca de riassaggi, de na realtà malata che t’incastra la borgata al giorno d’oggi
[?] a bastoggi: sp_ccio de monnezza, strappi de cabeza mica ‘mpicci stile [?]
[?] del pisch_llo morto con la spada, infilata al braccio
cristo è un pazzo armato, è un pezzo che spara a casaccio
sulla schiena de un poraccio inerme, la strada più la ami e più te tratta come un verme, più la rispetti e più ti manda all’aria i piani, più cerchi di datte e più te lascia l’osso come se fa ai cani
il destino con le mani scava fosse comuni, dove b_ttarci i testi delle anime dei più [?]
tengo i nomi de [?] e dei poracci fissi in testa, chi campa senza la coscienza e chi campa senza busta
ogni pensiero che ci passa in testa, la paranoia di serate al [?] [?]
è la minestra fatta d’odio e di rancore, chi l’assaggia solamente e chi non campa senza il suo sapore
di notte m’acchitto botte lunghe ‘n palmo de merce per sta sveglio e de robaccia per sta’ calmo
fermo sulle mie decisioni, sfidiamo il padre eterno a camparci a ste convinzioni

[rock marciano]
la strada porta un odore che riconosce qualcuno
tu lo chiami puzza mentre io lo chiamo profumo
è il fumo che esce dalla bocca ai bambini nei campetti, che parlano di aritmetica trattando con pacchetti
soggetti a una vita strana e figli di puttana, nella vita c’è chi odia, chi ti ama e chi ti sbrana… chi sta a acchittare, chi finisce in bara e finisce inpara per due tiri fatti in stanza di una [?] strana
na sensazione che ti fa male ancora, e una sirena che fa da colonna sonora
chi sp_ccia, chi si buca e chi lavora… e chi sta a casa con i domiciliari e conta ogni singola ora
gocce di sudore e sangue bagnano la vita, tagli sulle lingue fino a che non è finita
si estingue ogni patita e cristo non ti aiuta
ti gira le spalle e con un cenno ti saluta

[1zuckero]
s’ è fatta quasi notte, stringo ‘e nocche di cazzotti, ‘n faccio passi falsi se camminno a casalotti
tengo aperti l’occhi, stanno dentro quasi tutti e c’è chi intanto pija mezzetti e sp_ccia [?] ai propri adepti
so giorni de conflitti, proiettili co’ troppi nomi sopra, rime e bio_ritmi de ‘ste strade pe’ trovamme ‘n traiettoria
[?] ‘n altra macchina che brucia, ‘n altra bisca resta chiusa su ordinanza da questura
parcheggio ‘n doppia fila e senza sicura, do un’occhiata dentro al bar… poi saluto ‘a signora
e prima ancora che ‘r tipo s’avvicina ar banco chiede una sambuca, dopo l’ultima bevuta l’aria s’è fatta troppo tesa
manco du’ secondi e già sto in fondo giù a discesa, resto zitto, guardo dritto si sento una sirena accesa
‘a terra sotto i piedi brucia, ‘n venì sotto co’ ‘a pretesa io ‘n te credo su a fiducia
sai chi cazzo ve se ‘ncula